L’arte di correre (e di scrivere) – Haruki Murakami

19/11/2016
TITOLO: L'Arte di correre

AUTORE: Haruki Murakami 

GENERE: Autobiografia

VOTO:   ♥♥♥♥♥/♥♥♥♥♥

Ogni tanto qualcuno mi chiede a cosa penso mentre corro. Le persone che mi fanno questa domanda di solito non sanno cosa sia la corsa su lunga distanza. Comunque, ogni volta che me lo chiedono, vi rifletto profondamente.  Già, a cosa penso mentre corro?  Se devo essere sincero, non me lo ricordo nemmeno io.

Quasi come in un’autobiografia, Murakami si apre al suo pubblico per la prima volta e lo fa in maniera davvero travolgente. Le passioni e gli hobbies per lui non sono attività di poco conto. In tutto ciò che fa, ci mette l’anima, e il sacrificio, molto spesso, è ripagato. Che si tratti di sport o di lavoro, Haruki Murakami non si risparmia ed è con le sue parole che trasmette al lettore una grande carica.

Murakami è un maratoneta. Ma non lo è sempre stato. Ha iniziato la sua avventura di runner in età adulta. Proprio per questo, la corsa non è da lui affrontata in maniera superficiale, ma è un sentimento viscerale necessario per conoscere il proprio corpo più a fondo. Solo chi pratica uno sport in maniera coscienziosa e consapevole sa cosa significa. In particolare, poi, solo chi pratica la corsa capisce cosa significhi alzarsi la mattina e indossare le scarpe più comode che ti porteranno dall’altra parte della città.

Essere maratoneti è una condizione di vita. Dover percorrere 42,195 chilometri non è da tutti: l’allenamento deve essere costante e continuo. Ogni giorno si devono percorrere almeno 20 o 30 chilometri per poter ottenere dei risultati più o meno soddisfacenti. Ma Murakami non è una persona che si accontenta. Il suo allenamento è sempre regolare e impegnativo.  In gara, però, non riesce mai a ottenere i risultati sperati. Sempre adrenalinico e invogliato da nuove sfide, decide di percorrere l’Ultramaraton: 100 chilometri in meno di 12 ore. Una pazzia! Eppure riesce a terminare la gara, nonostante tutte le fatiche e i dolori che ne conseguono.

L’Ultramaraton però diventa per lui un’arma a doppio taglio: dopo la corsa non è tanto la fatica fisica, quanto un sentimento, quasi di odio verso la corsa, a opprimerlo. Murakami sperimenta quello che viene indicato come runner’s blues, ovvero l’abbattimento del corridore. Si tratta di una sensazione molto spiacevole che primo o poi, assale, credo, chiunque pratichi la corsa. È una sensazione di puro sfinimento, un odi et  amo che ti logora e ti fa sentire quasi in colpa. Un’amore che ti ha sempre fatto star bene ma per cui tu, nonostante il sentimento, non riesci più a sopportare.

L’arte di correre mi ha trasmesso tanto. Le parole di Murakami sono entrate dentro dandomi una carica inaspettata. Amante della corsa (io prediligo le distanze brevi, e non credo che nella mia vita riuscirò mai ad accingermi a una distanza più lunga dei 5000 metri), mi sono comunque ritrovata nella descrizione delle sensazioni interiori. Correre è un’arte. Ti aiuta a conoscere meglio il tuo corpo, ma soprattutto, ti consente di capire quali sono i tuoi limiti. E non solo per quanto riguarda la corsa. Mettersi in gioco, sfidare se stessi e la propria fatica è una lezione di vita. L’età e il tempo poi giocano la loro carta, e ogni anno la sfida diventa sempre più ardua mentre i risultati positivi diminuiscono. Questo non significa che si debba abbandonare: cambiano i propri limiti ma ciò che non deve mai cambiare è la determinazione e la fiducia in se stessi.

Il tempo che farò non è un problema. Ormai, per quanto mi sforzi, non riesco più a correre come una volta. Lo ammetto volentieri. Non è piacevole dirlo, ma invecchiare significa proprio questo. Come io svolgo il mio ruolo, così il tempo svolge il suo. E lui lo fa in modo molto più onesto,  molto più preciso di me. Perché dal momento in cui si è generato – chissà quando – ha continuato ad avanzare senza fermarsi un attimo. E le persone tanto fortunate da non morire giovani hanno il privilegio di invecchiare con regolarità, cosa di cui dovrebbero essere grate. 




 

Se ti è piaciuta la recensione de L’arte di correre (e di scrivere) – Haruki Murakami, clicca sotto e acquista subito la tua copia 😉

2 commenti

Ciao! ecco che ne penso..

EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol