*Senza titolo*

14/09/2016

Ridevamo dei nostri giorni perché sapevamo che non sarebbero tornati.
Amavamo.
Ma ancor di più, soffrivamo.

Cavalli alati si inseguivano nella notte, scalpitando nel vento, leggiadri.
La pioggia portava via gli aliti di vento che solleticavano i nostri volti.

Ancora una volta. Ancora una parola.

Le foglie, arancioni, già secche, rotolavano sul bordo della strada e noi ridevamo nel sentirle crepitare.
Ma eravamo noi a scricchiolare sotto i nostri stessi, pesanti, passi.
Non più ali leggiadre ma duri zoccoli ci schiacciavano, e noi, noi, respiravamo appena.

 

Nessun commento

Ciao! ecco che ne penso..

EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol