Racconti di viaggio
racconti / 09/06/2015

Dopo una pausa causa matrimonio della mia cara sorellina, eccomi di nuovo qui pronta a condividere con voi alcuni miei pensieri. Stavolta non sarà la recensione di un libro a tenerci compagnia, ma un mini racconto scritto qualche mese fa e presentato al concorso letterario per il trentennale della Lancia Y. Buona lettura 🙂   Scappando s’impara. Mutande, calze, le magliette preferite e jeans. Si! C’era proprio tutto ora in valigia. Un biglietto con la scritta “cerca di capirmi” e via fuori dal portone, per strada dove già sentiva aria di libertà. Prese la sua macchina e al primo distributore decise di fare il pieno, così era più sicura. Almeno di quello. Era un periodo in cui tutte le certezze erano svanite,  frantumate,  esaurite. Per questo aveva deciso di scappare. ..ma non era una vera e propria fuga…solo una pausa da tutto il resto del mondo. Eppure lui non le faceva mancare nulla, mai una discussione, solo sorrisi e amore. Eppure la curiosità, il sentirsi desiderata, guardata, ammirata da altri occhi,  non era poi così anomalo. Troppi pensieri affollavano la sua mente,  tanto da decidere di assentarsi per qualche giorno. Aveva bisogno di rimettere in ordine le idee e tornare…

EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol