*Senza titolo*
poesia / 14/09/2016

Ridevamo dei nostri giorni perché sapevamo che non sarebbero tornati. Amavamo. Ma ancor di più, soffrivamo. Cavalli alati si inseguivano nella notte, scalpitando nel vento, leggiadri. La pioggia portava via gli aliti di vento che solleticavano i nostri volti. Ancora una volta. Ancora una parola. Le foglie, arancioni, già secche, rotolavano sul bordo della strada e noi ridevamo nel sentirle crepitare. Ma eravamo noi a scricchiolare sotto i nostri stessi, pesanti, passi. Non più ali leggiadre ma duri zoccoli ci schiacciavano, e noi, noi, respiravamo appena.  

Alte temperature 
poesia / 05/09/2016

Strani pensieri affollano la mente, arrivano in gola e fanno a gara a uscire dalle oscure cave della bocca. Esplodo! Esplodo! Anime danzanti che ardono, lievi piume che ondeggiano e respirano l’aria che vive. Siamo occhi che guardano, spiano, illudono. Siamo mani che accarezzano e percuotono. Lasciamo ferite aperte che s’infettano sotto la pioggia struggente. Siamo occhi che guardano, spiano, illudono. Siamo anime che ballano sotto i raggi cocenti del sole.    

Chiudi gli occhi
poesia / 16/08/2016

Tutto poi passa. Ma ora ciò che passa è il tempo. Passano le ore e passano i giorni. Passano le estati, e lasciano il posto alla fredda rugiada e alle foglie cadenti. Passeranno gli inverni, freddi e solitari. E arriveranno nuove primavere e nuovi soli che con i raggi scalderanno la nostra pelle. Passano le occasioni. Rimangono le passioni. Corpi ancora caldi e parole al vento. Ricordi sbiaditi e dimenticati con la forza. I baci rimasti sospesi nelle labbra incerte e le parole non dette lette in quegli occhi ardenti d’amore. 

EnglishFrançaisDeutschItalianoEspañol